Quotidiano on line - News - Inchieste - Rassegna Stampa - Photoreportage

Home Chi sono E-Mail Archivio news Sentenze Mondo News Cronaca da Messina e dintorni Inchieste    Reportage
Commenti e appelli Diario Mondo Africa Periferie Culture Agenda & Consigli Fotografie Video








MESSINA, IL PROCESSO A FABRIZIO INGEMI: Stamani la sentenza contro il bancario che intascò 5 milioni

Sant’Agata Militello – Il giorno del giudizio è arrivato per Fabrizio Ingemi, l’ex bancario della Carige di Capo d’Orlando che negli anni ha sottratto ai clienti della banca oltre cinque milioni di euro. Nell’udienza che si celebrerà stamani alle 9 presso la sede distaccata del Tribunale di Sant’Agata Militello, il giudice Ugo Molina emetterà infatti la sua sentenza, in base all’accordo di patteggiamento manifestato dalle parti nell’udienza dello scorso 31 gennaio. I legali difensori di Ingemi, gli avvocati Giovanni Randazzo e Patrizia Coprina, hanno chiesto infatti un patteggiamento a cinque anni di reclusione e quattromila euro di multa, richiesta che aveva trovato d’accordo il pubblico ministero Alessandro Lia. Il posticipo della decisione dallo scorso 31 gennaio ad oggi si è reso necessario vista la presentazione di due istanze di dissequestro dei beni, una da parte della banca Carige, rappresentata dall’avvocato Paolo Sommella, per quanto riguarda timbri, modulistica ed altri beni di proprietà dell’istituto di credito, un’altra dagli stessi difensori di Ingemi, riguardo due computer portatili e vari effetti personali dell’ex bancario. La seconda istanza di dissequestro, però, aveva trovato l’opposizione del pubblico ministero che ha sostenuto la necessità del sequestro conservativo dei beni di Ingemi in considerazione della presunta impossibilità dello stesso ex bancario di corrispondere le spese del giudizio. Insieme alla vicenda penale di Ingemi, arrestato nell’ottobre 2010 poi trasferito ai domiciliari, dove si trova tutt’ora, nel mese di dicembre dello stesso anno, si avvia a conclusione anche l’enorme mole di rimborsi che la Banca Carige ha aperto singolarmente con ciascuno dei correntisti che hanno dimostrato di essere stati truffati da Ingemi e che i loro soldi siano transitati dalla banca. Al 31 gennaio, lo ricordiamo, erano già stati conclusi novanta accordi transattivi per un ammontare complessivo di oltre 5 milioni di euro.(g.r.) – GDS

I commenti non sono permessi qui. Comments are closed.

video
Il treno del ferro


Voci nel fango