Quotidiano on line - News - Inchieste - Rassegna Stampa - Photoreportage

Home Chi sono E-Mail Archivio news Sentenze Mondo News Cronaca da Messina e dintorni Inchieste    Reportage
Commenti e appelli Diario Mondo Africa Periferie Culture Agenda & Consigli Fotografie Video









L`ACQUA NON E` UNA MERCE di Alex Zanotelli

Nel cuore di questa estate torrida e di questa terra calabra, lavorando con i giovani nelle cooperative del vescovo Brigantini (Locride) e dell`Arca di Noè (Cosenza), mi giunge, come un fulmine a ciel sereno, la notizia che il governo Berlusconi sancisce la privatizzazione dell`acqua. Infatti il 5 agosto il Parlamento italiano ha votato l`articolo 23 bis del decreto legge numero 112 del ministro G. Tremonti che nel comma 1 afferma che la gestione dei servizi idrici deve essere sottomessa alle regole dell`economia capitalistica. Tutto questo con l`appoggio dell`opposizione, in particolare del PD, nella persona del suo corrispettivo ministro-ombra Lanzillotta (una decisione che mi indigna, ma non mi sorprende, vista la risposta dell`on.Veltroni alla lettera sull`acqua che gli avevo inviata durante le elezioni!). Così il governo Berlusconi, con l`assenso dell`opposizione, ha decretato che l`Italia è oggi tra i paesi per i quali l`acqua è una merce. Dopo questi anni di lotta contro la privatizzazione dell`acqua con tanti amici,con comitati locali e regionali, con il Forum e il Contratto Mondiale dell` acqua ……queste notizie sono per me un pugno allo stomaco, che mi fa male. Questo è un tradimento da parte di tutti i partiti! Ancora più grave è il fatto, sottolineato dagli amici R.Lembo e R. Petrella, che il `Decreto modifica la natura stessa dello Stato e delle collettività  territoriali. I Comuni, in particolare, non sono più dei soggetti pubblici territoriali responsabili dei beni comuni, ma diventano dei soggetti proprietari di beni competitivi in una logica di interessi privati, per cui il loro primo dovere è di garantire che i dividendi dell`impresa siano i più elevati nell`interesse delle finanze comunali.` Ci stiamo facendo a pezzi anche la nostra Costituzione! Concretamente cosa significa tutto questo? Ce lo rivelano le drammatiche notizie che ci pervengono da Aprilia (Latina) dimostrandoci quello che avviene quando l`acqua finisce in mano ai privati. Acqualatina, (Veolia, la più grande multinazionale dell`acqua ha il 46,5% di azioni) che gestisce l`acqua di Aprilia, ha deciso nel 2005 di aumentare le bollette del 300%! Oltre quattromila famiglie da quell`anno, si rifiutano di pagare le bollette ad Acqualatina, pagandole invece al Comune. Una lotta lunga e dura di resistenza quella degli amici di Aprilia contro Acqualatina! Ora, nel cuore dell`estate, Acqualatina manda le sue squadre di vigilantes armati e carabinieri per staccare i contatori o ridurre il flusso dell`acqua. Tutto questo con l`avallo del Comune e della provincia di Latina! L`obiettivo? Costringere chi contesta ad andare allo sportello di Acqualatina per pagare. E` una resistenza eroica e impari questa di Aprilia: la gente si sente abbandonata a se stessa. Non possiamo lasciarli soli! L`estate porta brutte notizie anche dalla mia Napoli e dalla regione Campania. L`assessore al Bilancio del Comune di Napoli, Cardillo, lancia una proposta che diventerà  operativa nel gennaio 2009. L` Arin, la municipalizzata dell`acqua del Comune di Napoli, diventerà  una multi-servizi che includerà  Napoligas e una compagnia per le energie rinnovabili.Per far digerire la pillola, Cardillo promette una `Robintax` per i poveri (tariffe più basse per le classi deboli). Con la privatizzazione dell`acqua si creano necessariamente cittadini di seria A (i ricchi  e di serie B (i poveri), come sostiene l`economista M.Florio dell`Università  degli studi di Milano. Sono brutte notizie queste per tutto il movimento napoletano che nel 2006 aveva costretto 136 comuni di ATO 2 a ritornare sui propri passi e a proclamare l`acqua come bene comune. Invece dell`acqua pubblica, l`assessore Cardillo sta forse preparando un bel bocconcino per A2A (la multiservizi di Brescia e Milano) o per Veolia, qualora prendessero in mano la gestione dei rifiuti campani? Sarebbe il grande trionfo a Napoli dei potentati economico-finanziari. A questo bisogna aggiungere la grave notizia che a Castellamare di Stabia (un comune di centomila abitanti della provincia di Napoli), 67 mila persone hanno ricevuto, per la prima volta, le bollette dalla Gori (una SPA di cui il 46% delle azioni è di proprietà  dell`Acea di Roma). Questo in barba alle decisioni del Consiglio Comunale e dei cittadini che da anni si battono contro la Gori, che ormai ha messo le mani sui 76 Comuni Vesuviani (da Nola a Sorrento). `Non pagate le bollette dell`acqua!`, è l`invito del Comitato locale alle famiglie di Castellammare. Sarà  anche qui una lotta lunga e difficile, come quella di Aprilia. Mi sento profondamente ferito e tradito da queste notizie che mi giungono un po` dappertutto. Mi chiedo amareggiato: `Ma dov`è finita quella grossa spinta contro la privatizzazione dell`acqua che ha portato alla raccolta di 400 mila firme di appoggio alla Legge di iniziativa popolare sull`acqua? Ma cosa succede in questo nostro paese? Perché siamo così immobili? Perchè ci è così difficile fare causa comune con tutte le lotte locali, rinchiudendoci nei nostri territori? Perché il Forum dell`acqua non lancia una campagna su internet, per inviare migliaia di sollecitazioni alla Commissione Ambiente della Camera dove dorme la Legge di iniziativa popolare sull`acqua? Non è giunto il momento di appellarsi ai parlamentari di tutti i partiti per far passare in Parlamento una legge-quadro sull`acqua? Dobbiamo darci tutti una mossa per realizzare il sogno che ci accompagna e cioè che l`acqua è un diritto fondamentale umano, che deve essere gestita dalle comunità  locali con totale capitale pubblico, al minor costo possibile per l`utente, senza essere SPA. `L`acqua appartiene a tutti e a nessuno può essere concesso di appropriarsene per trarne `illecito` profitto – ha scritto l`arcivescovo emerito di Messina G. Marra.Pertanto si chiede che venga gestita esclusivamente dai Comuni organizzati in società  pubblica, che hanno da sempre il dovere di garantirne la distribuzione per tutti al costo più basso possibile.` Quando ascolteremo parole del genere dalla Conferenza Episcopale Italiana? Quand`è che prenderà  posizione su un problema che vuole dire vita o morte per le nostre classi deboli, ma soprattutto per gli impoveriti del mondo? (Avremo milioni di morti per sete!). E` quanto ha affermato nel mezzo di questa estate, il 16 luglio, il Papa Benedetto XVI:` Riguardo al diritto all`acqua, si deve sottolineare anche che si tratta di un diritto che ha un proprio fondamento nella dignità  umana. Da questa prospettiva bisogna esaminare attentamente gli atteggiamenti di coloro che considerano e trattano l`acqua unicamente come bene economico`. Quand`è che i nostri vescovi ne trarranno le dovute conseguenze per il nostro paese e coinvolgeranno tutte le parrocchie in un grande movimento in difesa dell`acqua? L`acqua è vita. `L`acqua è sacra, non solo perché è prezioso dono del Creatore – ha scritto recentemente il vescovo di Caserta, Nogaro ` ma perché è sacra ogni persona, ogni uomo, ogni donna della terra fatta a immagine di Dio che dall`acqua trae esistenza, energia e vita.` Sull`acqua ci giochiamo tutto! Partendo dal basso, dalle lotte in difesa dell`acqua a livello locale, dobbiamo ripartire in un grande movimento che obblighi il nostro Parlamento a proclamare che l`acqua non è una merce, ma un diritto di tutti. Diamoci da fare perché vinca la vita!”. padre Alex Zanotelli

I commenti non sono permessi qui. Comments are closed.